CACCIUCCO DE IL SOTTOMARINO

IN UN TEGAME SI METTONO A CUOCERE POLPI E SEPPIE IN OLIO D'OLIVA CON L'AGGIUNTA DI AGLIO, SALVIA E UN PEZZETTO DI PEPERONCINO. A PARTE IN UNA TEGLIA GRANDE SI PREPARA UN SOFFRITTO CON AGLIO E PEPERONCINO USANDO L'OLIO D'OLIVA VERACE E QUANDO L'AGLIO COMINCIA AD IMBIONDIRE SI AGGIUNGE IL POMODORO MATURO CON UN PO' DI CONSERVA.

A META' COTTURA SI POSANO NELLA SALSA CHE SI E' FORMATA FETTE DI PALOMBO, NOCCIOLO E GRONGO.

iN UN TERZO TEGAME (LA DIVISIONE E' INDISPENSABILE PER I DIVERSI TIPI DI COTTURA) SI METTONO A CUOCERE CON AGLIO E PREZZEMOLO SCAMPI, VONGOLE VERACI E DATTERI (COZZE).

A COTTURA AVVENUTA IN QUESTO TEGAME SI UNISCONO POLPI E SEPPIE, PRELEVANDO UNA PARTE DELLA SALSA DAL PRIMO TEGAME E AGGIUNGENDOLA.

nEI DUE TEGAMI DI COTTURA SI FA ADDENSARE LA SALSA E A PARTE SI ABBRUSTOLISCONO FETTE DI PANE COTTO A LEGNA AGLIANDOLE A DOVERE DOPOSITANDOLE NEI PIATTI DA PORZIONE, COPRENDOLE QUINDI CON IL CACCIUCCO FORMATO DA SCAMPI, VONGOLE VERACI E COZZE, AGGIUNGENDO PALOMBO NOCCIOLO E GRONGO.

COME VARIANTE CLASSICA AGGIUNGERE IL PESCE SPINOSO: SCORFANI GALLINELLE, TRACINE, CAPPONE E ANCHE LA MURENA.

TORNA ALL'HOME PAGE TORNA ALL'INDICE DELLE RICETTE LIVORNESI
INDICE DEL CACCIUCCO