Livorno ha forse dei primati? vediamo un pò!...........

Come gia citato in altro punto molti dicono che Livorno non ha storia propria, e che semmai la storia è storia di altri, vale a dire tutti quelli che l'hanno occupata, venduta e rivenduta, ampliata e purtroppo spesso anche devastata.

Forse queste persone vogliono solo boicottarci forse sono solo disinformati, forse sono stati pagati dai pisani.

A parte gli scherzi secondo noi (e tanti altri) la storia c'è e tanta e vale la pena anche raccontarla; in altro punto stiamo preparando anche questo, per il momento ci contentiamo di puntualizzare alcuni aspetti che per noi sono piccoli "primati" raggiunti da Livorno e dai livornesi nei suoi passati trascorsi e che ci fa piacere sottolineare.

Cominciamo dal fatto che quando i progenitori dei pisani cominciavano ad abitare le caverne del monte Faeta è risultato molto probabile che  nella nostra zona già esistesse un insediamento abitativo, poi andiamo a vedere quanto possiamo verificare da notizie certe.

Nel 1077 Viene costruita una torre attribuita alla contessa Matilde, ma che la tradizione popolare confonde invece con quella cilindrica di epoca leggermente successiva forse edificata dai pisani, quest'ultima, costruido circa due secoli dopo, presenta comunque criteri avveniristici per l’epoca, cioè la possibilità mai sfruttata in altra costruzioni simili di intervenire alla difesa anche da punti intermedi della torre, anziché solo dall’alto.

Un poco invidiabile primato per Livorno è il fatto di essere stata distrutta (ma riedificata testardamente dai suoi abitanti) per ben dodici volte nell’arco di circa tre secoli dall’inizio 1100 alla fine del 1300 ( abbiamo battuto anche la mitica Troia di Omero)

Precorrendo l'epoca dei veri cantieri navali, risulta da documentazioni che nel 1200 circa a Livorno già si costruiscono barche in appalto e molti vengono da fuori Livorno a procurarsele per la qualità del prodotto. I cantieri Livornesi avranno poi il loro momento migliore a far data dalla venuta dei Medici al potere in toscana.

 1303 Un'altra torre da primato risulta il bel fanale costruito a Livorno dai pisani, alto 51 metri, che rimasto intatto dalla furia dei marosi e del tempo cederà solo alle brutali mine dei tedeschi nel 1944 dopo 631 anni

1591 - il 12 febbraio  Ferdinando emana “ famosa legge detta Livornina” con la quale ampliando e regolamentando quanto già decretato da altre leggi simili emesse in precedenza, invita le genti di tutte le nazioni a venire ad abitare e trafficare a Livorno assicurando esenzioni, privilegi e concedendo annullamento dei debiti e  larghi condoni da condanne per qualsiasi delitto riportato nello stato ed un salvacondotto per quelle riportate all’estero, eccetto quelli di eresia, lesa maestà, assassinio e falsa moneta.   Viene garantita altresì libertà politica e di culto  e possibilità di acquisto di case a condizioni di favore e pagamento rateale, oltre a libertà di commercio senza limitazioni con privilegi doganali. Livorno diviene così un’isola felice nell’Europa autoritaria e persecutoria e il primo esempio di una società multietnica che si ritroverà solo ai giorni nostri

1606 Ferdinando riceve a Firenze il nostro concittadino Carletti Francesco, di ritorno da un viaggio di circumnavigazione del globo, dal quale vengono portate per la prima volta (e sbarcate a Livorno)il banano, il cacao altri nuovi prodotti rivenuti nelle nuove terre.

    Il 19 giugno 1609 torna Il galeone "Santa Lucia" al comando del capitano Roberto Thormpton dalla spedizione preparata dal Dudley e riporta in Toscana prodotti rari per l'epoca quali la canna da zucchero,il pepe bianco, il verzino per la verniciatura dei panni, il legno pardo e la pitta e col materiale arrivano anche cinque giovani caraibi.

 

1632 -  per la prima volta in Europa arriva il caffè, trovato nelle stive di un bastimento catturato ai corsari turchi, E proprio a Livorno ne viene fatto per primi uso e commercio.

I Livornesi mescolandolo col rum già in voga negli ambienti portuali inventarono anche il "ponce"

1703 - Primo esempio nel mondo si ha data dell’apertura  delle "Stanze dei Cassieri" o "Stanze di Livorno" in via Ferdinanda. In esse si cambiano le diverse monete e si fissa l'aggio sull'oro

1781 - Primo esempio di stabilimento balneare, (anche se la moda di prendere bagni di mare era già nata prima) pare addirittura in Europa, nel luogo dove ora c'é l'acquario comunale, vengono aperti da un imprenditore di nome Baretti i "bagnetti dei cavalleggeri", con 35 cabine dotate di acqua dolce e salata, fredda e calda - occorrerà attendere il 1843 per veder sorgerte ufficialmente i primi stabilimenti balneari ufficiali di Rimini, anche se si ha notizia di alcuni primi tentativi dal 1790.

1790 durante la “rivolta di S. Giulia” un episodio da menzionare: 800 uomini della Venezia nuova, escono alle ore 11 da porta a Pisa e ne ritornano dopo appena tre ore con cinque carri da loro stessi trainati carichi di materiale e  delle campane che già appartenevano alla loro chiesa.      Hanno calato giù dal campanile della pieve di Salviano, dove erano state portate cinque anni prima. le campane senza aiuto di ordigni e macchine ma solo facendo ponti su ponti di se stessi

1796 - il livornese Ciaschi Giovanni Antonio inventa un battello sottomarino per uso militare fatto per attaccare le navi da sott’acqua, la notizia verrà confermata nell’adunata solenne dell’Accademia del cimento del 16 marzo 1801

1844  - Davanti a Porta S. Marco viene costruitala nuova stazione ferroviaria.  Il 13 marzo si inaugura la ferrovia Livorno-Pisa che sarà poi  prolungata fino a Firenze.  Progettata dagli ingegneri Stephenson e Hoppner è una delle prime opere del suo genere e la seconda in italia. (dopo la Napoli-Portici

1846 - Vengono costruiti i Bagni Pancaldi nella Cala dei Cavalleggeri, adiacenti ai bagni Acquaviva già fatti edificare da calmieri nel 1840; si distinsero subito in quanto erano gli unici d’Europa costruiti in muratura e furono subito frequentati da molte personalità dell’epoca.

1846 - Viene costruito il secondo binario sulla linea ferroviaria e dato incarico a Matteucci di sperimentare (con successo) il primo collegamento telegrafico italiano lungo la ferrovia Livorno Pisa – il collegamento entra definitivamente in funzione l’anno successivo.     

1868 - Livorno risulta ,con 96000 abitanti una delle dieci città più popolate d’Italia

1881 – Il 7 novembre sull'area dell'ex Lazzaretto S. Leopoldo viene inaugurata la celebre Accademia Navale, che raggruppa le scuole marinare del regno di Sardegna e di quello di Napoli in una sola organizzazione.  Il Cavour per interessi personali aveva proposto La Spezia come sede ma la sua morte subito dopo l'unificazione lasciò mano libera all'ammiraglio Benedetto Brin che aveva indicato Livorno, a lui è stato dedicato in busto nella piazza omonima vicino all'accademia.

1908 - viene inaugurata la funicolare di Montenero - Era la prima funicolare in Italia ad azionamento elettrico -Gli impianti, dopo alcuni ritocchi nel '79, furono completamente ristrutturati nel '90 ed ancora una volta la funicolare di Montenero fu la prima in Italia a funzionamento completamente automatizzato, senza conduttore a bordo e con un unico presidio di controllo nella stazione di Monte.

1921 - A gennaio  il 15 si apre il congresso nazionale socialista al teatro Goldoni, durante il quale avviene la famosa scissione del gruppo dissidente comunista che abbandona il teatro al canto di bandiera rossa e si dirige al teatro San Marco dove il 21 gennaio dà origine al partito Comunista Italiano, come anche citato su una lapide posta poi sui resti del suddetto teatro, distrutto dagli eventi bellici del ’45.  

1937 - Dai cantieri navali  Orlando esce l’esploratore Taskent costruito per conto dell’Unione Sovietica, con i suoi 45,6 nodi di velocità riscontrati è al momento la nave più veloce del mondo

 

1977 – Primo caso in Italia, con una decisione a sorpresa il Sindaco di Livorno Ali Nannipieri ordina la requisizione dello stabilimento del Telegrafo a seguito della decisione della Società Editrice di liquidare la società e licenziare tutto il personale.

Il Telegrafo era nato nel 1877 su iniziativa di un ex garibaldino Giuseppe Bandi come bollettino integrativo della Gazzetta Livornese - sarebbe stato un buon compleanno!

1998 - Nasce l'associazione culturale "La Livornina" per la creazione del corteo storico di Livorno ed altre iniziative culturali,

 

 

HOME PAGE

 LIVORNO VARIE