I FOSSI ed i suoi bastioni

Nell'anno 1600 iniziano i lavori mastodontici per l'escavo del gran canale detto fosso reale che collegato al mare al suo inizio ed al suo termine, circonderà le fortificazioni di Livorno, integrando la rete di canali già composta dal canale dei navicelli e da altri canali intorno la fortezza vecchia.

Nei tredici anni necessari al suo completamento lavorano continuamente oltre seimiladuecento persone seguendo i progetti di Giovanni de'Medici, del Cucurrano e del Cantagallina

I fossi medicei con i loro spalti, erano già di per se una buona difesa per l'accesso alla città medicea del pentagono del Buontalenti e lo furono ancora di più in quanto costellati di forti e bastioni potentemente armati. Livorno, poderosa invincibile piazzaforte del mediterraneo aveva le sue difese centrali formate dalla Fortezza Vecchia, Il forte San Pietro, Il rivellino S. Marco, La Fortezza Nuova, i bastioni di Santa Giulia, del Casone, del Mulino a Vento, Il forte di Porta Murata, i Forti della Bocca, del Molo, della punta.

I fossi percorrevano il periplo della città, collegando dette fortificazioni e creando di fatto un'unica immensa fortificazione corrispondente al pentagono del Buontalenti.

   

 

HOME PAGE

INDICE MONUMENTI