IL CASTAGNACCIO 

LA RICETTA BASE DELLA "PATTONA" TRADIZIONALE E' fatta con farina di castagne, latte e acqua, qualche pezzetto di noce, un filo d'olio al momento di infornare. Originario dell'Appennino toscano , SPECIE NELLA ZONA CHE VA DALLA VALLE DEL bISENZIO ALLA PROVINCIA DI pISTOIA, il castagnaccio era venduto un tempo da ambulanti all'uscita delle scuole: per il suo alto valore nutritivo, lo si considerava infatti un dolce particolarmente adatto ai bambini.

iL "TOPPONE" ERA INVECE UNA VERSIONE DEL CASTAGNACCIO ALTO E SGUARNITO  CHE DOVEVA SERVIRE A RIEMPIRE LE PANCE

IL CASTAGNACCIO MODERNO E' PRATICAMENTE UNA VERSIONE ARRICCHITA DELLE PRECEDENTI

 

RICETTA COOP

Castagnaccio

Ingredienti
per 8 persone

500 g di farina di neccio (castagne) della Garfagnana
100 g di gherigli di noce secchi
la scorza di un'arancia
20 g di pinoli
una bustina di lievito per dolci
un cucchiaino di bicarbonato
un l di latte
50 g di strutto
80 g di zucchero
un pizzico di sale

Tempo di preparazione e cottura: un'ora

Setacciate la farina, mettetela in una ciotola capiente e aggiungete, mescolando, il latte. Unite poi la scorza d'arancia spezzettata a coriandolo, le noci tritate, il sale, lo zucchero, il bicarbonato e il lievito.
Prendete una teglia da forno preferibilmente rotonda, ungete il fondo e i bordi con lo strutto e versate l'impasto. Cospargete con i pinoli e infornate per 40 minuti a 170-180.
Servite tiepido, con un cucchiaio di buona ricotta.

 

DOSE PER 4

ricetta moderna -

ingredienti:

300 gr. di farina di castagne

100 gr. di uvetta sultanina

100 gr. di noci

50 gr. di pinoli

6 cucchiai d'olio

1 cucchiaio di zucchero

scorza di limone e di arancio

 

Mettete la farina in una insalatiera con lo zucchero e un pizzico di sale e stemperatela con circa tre bicchieri di acqua in modo da farne un intriso piuttosto fluido.

Aggiungete la scorza di arancio e di limone tagliuzzate molto finemente.

Ungete con margarina una teglia piuttosto grande poi spargete metà dell'olio sul fondo, quindi versate l'intriso preparato.

Guarnite con l'uvetta, i pinoli, le noci sgusciate e sbriciolate.

Sopra il tutto cospargete l'altra metà dell'olio e infornate a calore medio per circa 30 o 40 minuti.

deve prendere un bel colore abbronzato.

Si mangia caldo e freddo servire in fettine sottili da solo o accompagnato da mascarpone o ricotta

da "Livorno a Tavola"

VERSIONE TRADIZIONALE DEL CASTAGNACCIO NEL PRATESE SCIOGLIERE BENE CON ACQUA UN MEZZO CHILO DI FARINA DI CASTAGNE; AGGIUNGERE POI SEMPRE MESCOLANDO, MEZZ'ETTO DI PINOLI, MEZZ'ETTO DI NOCI, UN ETTO DI UVETTA, MEZZ'ETTO DI OLIO DI OLIVA, ABBONDANTI FOGLIE DI RAMERINO E UN PIZZICO DI SALE. VERSARE L'IMPASTO IN UNA TEGLIA BEN UNTA D'OLIO E FARE CUOCERE IN FORNO NON TROPPO ARDENTE. TOGLIERE QUANDO SULLA SUPERFICIE E AI BORDI SI SARA' FORMATA UNA BELLA CROSTA BRUNA E SCREPOLATA.

NORMALMENTE IL TEMPO DI COTTURA E' DI UN'ORETTA.

 

HOME RICETTE LIVORNESI DOLCI E DESSERT