FRANCESCO DOMENICO GUERRAZZI

 

Nato a Livorno il 12 agosto 1804, lo scrittore ed uomo politico livornese prese la laurea in giurisprudenza a Pisa nel 1824 e a Livorno si dedicò all'avvocatura con passione e forza; Fondatore del giornale l'Indicatore Livornese, le sue idee politiche, (si era affiliato alla Giovine Italia) gli costatono il confino a Montepulciano e il carcere all'isola d'Elba dal 1830 al 1834, Fu triumviro assieme a Giuseppe Mazzini e il Montanelli, nel governo provvisorio a Firenze durante i moti risorgimentali del 1848, ma al ritorno del granduca nel 1849 venne condannato all'ergastolo, pena commutatagli nell'esilio in Corsica dove rimase sino al 1856. La sua cattura fu uno degli spunti alla rivolta dei moti livornesi del 1849.

 

Eletto deputato nel 1860, fu un fiero oppositore della politica della destra.

Influenzato da Byron, Il suo primo romanzo storico la battaglia di Benevento ebbe un successo immediato ed in questo e nei suoi successivi romanzi come l'assedio di Firenze dimostrò la sua bravura e seppe dare adito alle sue idee politiche.

Altri suoi scritti di rilievo "Isabella Orsini" e Beatrice Cenci".

L'opera divulgatrice e suscitativa di ideali nazionali dei suoi scritti lo fanno uno dei personaggi di spicco del risorgimento italiano.

 

Morì' a Cecina il 25 settembre 1873. Il Carducci raccolse e pubblicò le sue opere nel 1880

A lui è intitolata una piazza dove una scultura lo raffigura, inoltrre la biblioteca comunale porta il suo nome.

 

 

 

HOME PAGE INDICE PERSONAGGI IL NOSTRO CORTEO