Enrico Bartelloni

 

 

 

Popolano livornese nato il 18 novembre 1808 , soprannominato il gatto, per le sue doti di agilitą ed inafferrabilitą attribuitigli dagli austriaci. Nelle storiche giornate del 10 e 11 maggio 1849 fu uno dei principali protagonisti ed organizzatori della difesa di livorno contro gli aggressori austriaci, distintosi nei combattimenti, salvatosi dalla quasi inevitabile cattura dopo la disfatta dovuta alla soverchiante supremazia numerica e di mezzi del nemico, non resse all'onta seguitane e alla fine degli scontri si fece arrestare volutamente oltraggiando le sentinelle austriache e facendosi riconoscere.

Fu portato in fortezza e fucilato dopo un sommario processo il 14 maggio 1849.

Una lapide e un busto lo ricordano nella piazza a lui dedicata là dove vicino si apre la porta San Marco che difese strenuamente dalle soverchianti forze dell'austriaco invasore.

(vedi anche cenni sulla difesa di Livorno del 1849 in Livorno varie )

 

sopra disegno raffigurante la fucilazione del bartelloni e sotto lapide presso porta S. marco a memoria dei moti del 1849 busto del bartelloni

HOME PAGE INDICE PERSONAGGI IL NOSTRO CORTEO